Malattie infettive nei bambini piccoli

Malattie infettive nei bambini piccoli:

malattie infettive sesta malattia

Dopo un lungo inverno o inferno per i genitori con i bambini piccoli che frequentano l’asilo nido, oppure non lo frequentano, visto che la maggior parte lo passano comunque a casa con il virus di turno che gli affligge, nella maniera ancora più severa i suoi genitori, cioè noi, finalmente arriva l’estate!

Tutti i genitori aspettano l’estate come il paradiso terrestre, ponendo tante speranze e aspettative. Quando se non d’estate il bambino avrà finalmente il nasino pulito dai mocci, gli andrà via quella tosse perpetua che ci persegue e avremo finalmente una vacanza dai continui raffreddore-virus intestinale-influenza-! I piccoli finalmente si faranno gli anticorpi e aumenteranno le difese immunitarie, lasceremo i farmaci a prendere polvere e risparmieremo quei 100 euro al mese per l’acquisto dei nuovi farmaci. Non è male come buoni propositi per l’estate, giusto? Sbagliato!
I batteri non vanno in vacanza! Si proliferano! Anzi, ci vanno! Per darvi proprio lì più fastidio che mai!
Sesta malattia (insieme alle altre 5), varicella, pertosse e così via dall’elenco medico sono lì dietro l’angolo ad aspettarvi e pronti a colpire!

Ormai diventa classica l’infezione dell’ultimo giorno in asilo, almeno per il nostro gruppo della sezione piccolini. Noi, purtroppo, abbiamo pochi amici con i bambini piccoli, e quindi durante le ferie nostro figlio ha pochi contatti con i bimbi della sua età. Per compensare questa ingiustizia, l’ultimo giorno di asilo ci porta i “compiti da fare a casa”. La volta scorsa è stata la sesta malattia, che ci ha spaventato durante il viaggio con una febbre improvvisa proprio durante il viaggio in macchina, sorta dal nulla, arrivata a 40, e sparita all’improvviso giusto quando eravamo di strada per il pronto soccorso dopo una bellissima conversazione telefonica con il nostro pediatra, un tipo particolarmente cordiale:

– Dottore, il piccolo ha febbre 40, ma è appena guarito e smesso di prendere gli antibiotici giusto l’altro giorno. Cosa dobbiamo fare?
– Ancora sta sotto l’azione degli antibiotici, sicuramente c’è qualcos’altro in azione, deve manifestarsi in qualche modo, attualmente non c’è niente che possiamo fare.
– Dottore, oggi è venerdì, siamo fuori per una vacanza, se peggiora, La posso chiamare nel weekend?
– Mi può chiamare! Quanto vuole, nel weekend io tengo il telefono spento.

Ecco, la febbre è sparita prima che abbia inventato un’arma capace di colpire a distanza telefonica. Tutta. Completamente. Come se mai fosse arrivata a 40 gradi. Anche il pupo si è risvegliato e ha ripreso la propria attività come se niente fosse. Nel giro di mezz’ora però è diventato a pois. Rosse. Successivamente ci è stata diagnosticata la sesta malattia. Ho fatto la ricerca su internet. Non ho capito che differenza ha con le altre 5, ma ho capito che adesso siamo immuni solo alla sesta, non a tutte e sei.
Quest’estate abbiamo portato a casa la “mani-piedi-bocca”. Ve lo racconto la prossima volta. Quando saremo guariti.

Almeno queste non ci ha trasmesse!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: